Poker online a confronto:

 

Confronto dei Migliori Bonus delle Poker Room

 

solo su ConfrontaPoker.com

Categoria : Estero

SNAI POKER E WORLD SERIES OF POKER 2016

A Las Vegas, il motto di questa attesissima edizione è: “Something for Everyone This Year ­

Anyone Can Enter and Anyone Can Win” che, tradotto, suona più o meno come “Qualcosa per

ognuno, quest’anno – Chiunque può qualificarsi e chiunque può vincere”!

prestigiosissime World Series Of Poker 2016, titolo spesso contratto nell’emblematico WSOP,

che SNAI Poker, come sempre, segue da vicino, vicinissimo. Dal 31 maggio al 18 luglio, i migliori

pokeristi del mondo si danno appuntamento nella capitale assoluta del gioco d’azzardo, per

stabilire chi sia il più grande. Una sfida sempre emozionante, sempre avvincente e mai così…

aperta!

E sono molteplici, infatti, le occasioni che SNAI, una delle maggiori realtà del gaming e del betting

italiano, riserva ai propri giocatori per alimentare un magnifico sogno: superare i turni di

qualificazione (contraddistinti da freeroll cui si può accede anche a titolo del tutto gratuito) e

aggiudicarsi un pacchetto tutto completo (biglietto aereo, alloggio e ticket per giocare il main

event) con la possibilità di giocare il torneo più ricco del mondo! Un’opportunità unica, quasi

irripetibile, che rappresenta il sogno NON proibito per tutti gli amanti del gioco di carte più bello ed

entusiasmante del mondo.

A partire da lunedì 18 aprile, è iniziata un’articolatissima selezione, strutturata in vari STEP

successivi, per assegnare, ogni due settimane, 1 PACCHETTO COMPLETO per volare in

America e arrivare a giocarsela con i migliori giocatori del pianeta!

GRATUITO, dal momento che è sufficiente qualificarsi tramite i FREEROLL, garantendosi

l’accesso allo STEP 1 o allo STEP 2.

Ecco di seguito come sono organizzate le selezioni:

data giorno ora torneo buy­in

Freeroll STEP 0

Mini Serale

dal 18/04/16 tutti i giorni 15­18

? tutti i giorni 17­ 21.30 STEP 1 WSOP €1 o 450p. rebuy

? tutti i giorni 19 STEP 2 WSOP €5 o 2250p. rebuy

? lun­mer­ven 22 STEP 3 WSOP

dal 01/05/16 ogni 15 gg 21.30 FINAL Step WSOP

Sembra semplice… e forse lo è: basta provarci!

servono costanza, bravura, nonché ottima sorte, ma, si sa, la fortuna aiuta gli audaci, quindi…

fatevi sotto!

Saperne di più è facile: basta collegarsi al sezione poker del sito SNAI e si trovano tutte le

informazioni necessarie, niente di più, niente di meno.

buona fortuna e, magari… BUON VIAGGIO!

WSOP: Il sogno italiano alle WSOP si chiama Federico Butteroni nei 27 left come Negreanu e Holz

Quasi un viaggio mistico quello che ha portato Federico Butteroni a Las Vegas, dopo 4 anni a grindare online con successo aveva perso un pò il contatto con la realtà e allora ha deciso di passare un anno in Australia nelle farm, anche per migliorare l’inglese, pare abbia fatto la scelta giusta visto che appena arrivato a Vegas totalmente rigenerato da questa esperienza si è piazzato 20° al Monster stack per un premio di 45.633$ poi è arrivato un deal che gli ha fruttato 25.000$ ad un Deepstack da 235$ del Rio.

Adesso sta cercando il colpo della vita e le speranze azzurre sono tutte su di lui, rimasto da un pezzo l’ultimo italiano in gioco, si trova tra i 27 left di un Main Event giunto al Day 7, con il 18° stack 4.980.000, dopo una giornata densa di montagne russe, dove scende inizialmente contro KK con AK per poi risalire grazie ad un board miracoloso quando ai resti per i suoi 17 bui con un avversario che gira 10-10, Federico si ritrova con 6-6 al 20% ma un flop Q-6-6 al tavolo televisivo lo fa esultare di gioia, salvo poi scendere per poi risalire sul finale grazie ad un piatto limpato che al flop recita 10-10-6 su cui si va allin, l’azzurro si presenta con Q-10 e Kelly Minkin con 10-4 senza sorprese, con l’americano eliminato!

In cassa già ci sono ben 262.547$, con un sogno chiamato November Nine e una prima moneta da 7.680.021$!

Screenshot 2015-07-14 14.30.29

WSOP: Comincia il Main Event con Dario Sammartino in Top 10, ma c’è da attendere la fine del Lucky Sevens protagonista Max Mosele

E’ l’evento pokeristico più atteso dell’anno, il Main Event WSOP, dove anche quest’anno migliaia di giocatori prenderanno parte per entrare nella storia di questo gioco, il Day 1A ha confermato la buona annata degli italiani guidati da un ottimo Dario Sammartino che ha chiuso in busta ben 129.850 chips (circa 200 bui per il Day2) top 10 tra i 480 rimasti su 741 iscritti, in attesa di conoscere altri nomi con i prossimi Day 1.

Molto bene sono andati anche Max Pescatori che chiude con 46.075, Rosario Galtieri a quota 46.200, short Daniele Guidetti a quota 20.275 ed uno shortissimo Sergio Castelluccio a quota 5.175, fotografia delle sue Wsop un pò in ombra per un giocatore della sua qualità.

Ma c’è ancora un evento WSOP che deve terminare che vede in gara un italiano parliamo dell’evento #66 777$ Lucky Sevens, dove il nostro Max Shark Mosele si ritrova al 9° posto del count con quasi 20 bui su 10 left, che venderà cara la pelle per una prima moneta da 487.784$, “basterebbe” un raddoppio all’inizio per avere buone chance di andare in fondo, in fondo ad un torneo dove per poco non sono andati Rocco Palumbo 15° per 24.329$ e Mario Perati 41° per 9.847$!

Screenshot 2015-07-06 15.12.54

 

WSOP: Dario Sammartino ad un passo dal sogno il braccialetto va a Mercier

Vi avevo parlato ieri di come aveva ben figurato tra i duri, per l’ennesima volta, Dario Sammartino nell’evento #32 5.000$ No Limit Holdem 6-handed salvo poi ritrovarsi short sul finale per un colpo sfortunato, ecco, il campano ha saputo azzerare tutto e candidarsi alla vittoria con un altro bel tavolo finale disputato fermandosi al 4° posto (163.604$), quando da short decide di pushare da bottone K-6 off trovando il call da big blind di Jason Mercier con 10-9, scala al flop per l’americano che poco dopo si aggiudicherà il 3° braccialetto della sua carriera e 633.357$ di premio in heads-up contro Simon Deadman.

Come si sa i ritmi sono frenetici a Las Vegas e allora neanche il tempo di ritirare il premio che Dario si schiera in un altro dei tornei più importanti di queste WSOP, l’evento #37 10.000$ No Limit Hold’em 6-Handed Championship, che nonostante da short stack riesce a superare il Day 1 passando al Day 2 insieme, ad un altro campano Antonio Buonanno, vincitore dell’EPT Grand Final 2014, stack rispettivamente di 19.300 e 12.100, in buona compagnia visto che ancora in gara per la prima moneta da 657.351$, ci sono tra gli altri Jason Mercier, Jake Cody, Phil Galfond, Martin Finger e Doug Polk.

Doyle Brunson vince la sfida più importante, quella contro il cancro, intervento riuscito

Martedì mattina tramite Twitter la leggenda Doyle Brunson, ha comunicato la buona riuscita dell’intervento per asportare un melanoma al cervello, intervento a cui il 10 volte braccialettato si è sottoposto per la terza volta negli ultimi 3 anni.

Screenshot 2015-03-06 11.49.56

Texas Dolly non è più un ragazzino, ad Agosto infatti spegnerà 82 candeline, e la domanda per tutti gli appassionati di poker è se riuscirà a fare anche una piccola apparizione alle WSOP, come ad esempio l’anno scorso dove giocò solo il Poker Players Championship da 50.000$ di buy-in e capitò anche al tavolo con suo figlio Todd.

Pokeristicamente non è fermo da molto, è sempre di casa alla Bobby’s Room del Bellaggio dove gioca con i soliti noti e dove ha seguito il figlio Todd nel tanto chiacchierato heads-up contro Andy Beal.

Spin&Go dei record su pokerstars.com un player russo incassa 1 milione di dollari

Dall’arrivo dei Spin&Go in Italia a fine Agosto scorso su pokerstars.it gli equilibri sono un pò cambiati visto che è calato ancora di più il traffico sui sit&go e sugli heads-up hyper proprio a discapito di questi gratta e vinci in formato pokeristico, che, per chi ancora non lo sapesse uno spi&go dal buy-in di 1€, 2€, 5€, 10€ ha un montepremi casuale ogni qual volta si gioca partendo da un minimo del doppio del buy-in fino a 1.000 volte il buy-in o ancora di più.

Proprio questo quello che è successo su pokerstars.com dove solo i spin&go da 5$ vedevano un montepremi fino a 1.2 milioni di dollari, con 100.000$ per il secondo e terzo classificato e 1 milione al primo, un premio che ti cambia radicalmente la vita, questo è successo al player russo “sss66666″ che ha centrato una delle 3 probabilità su 10.000.000, un miracolato insomma!

In 940 ad assistere a questo giorno storico, con il colpo decisivo che si consuma al flop con il belga “geldduvel” e il russo che vanno ai resti rispettivamente con A5 e A8 su flop A89 (foto copertina) tutto a picche niente sorprese e colpaccio per il russo “sss66666″.

Ucciso Franceso Leccese dealer italiano residente a Birmingham per una lite domestica

Ho appreso questa notizia ieri chiacchierando con un amico abruzzese proprio dell’Aquila che conosceva Francesco Leccese, di punto in bianco mentre era collegato su Facebook mi avverte che era stato ucciso un ragazzo abruzzese di 21 anni dopo una lite con il coinquilino italiano anche lui che pare l’abbia accoltellato. Dopo uno strordimento e tanta amarezza più che dispiacere per quello che considero un fatto atroce sulla mia bacheca Facebook vedo alcuni miei amici che parlavano di questo ragazzo e scopro che probabilmente lo conoscevo anche io per averlo incrociato come dealer in qualche torneo.

Francesco Leccese faceva il dealer e da qualche mese si è era trasferito al casinò Genting Chinatown di Birmingham ottenendo ben presto un buon contratto come croupier e dealer, le cause del decesso non sono state ancora accertate ma pare si tratti di omicidio, queste le parole di un funzionario di polizia: “La polizia ha arrestato un uomo di vent’anni sospettato di essere il responsabile dell’omicidio, al momento del ritrovamento del corpo di un uomo all’interno di un appartamento in Daley Close, Ladywood, subito dopo le nove del mattino del 18 novembre. Gli ufficiali di polizia, entrati nella proprietà, hanno scoperto il corpo senza vita, dall’età approssimativa di venti anni. La morte è stata dichiarata sulla scena del crimine. Le indagini sono in corso e un esame forsense post mortem sarà fatto già questa sera (martedì 18)”.

Non un articolo ma semplicemente un pensiero per un mio coetaneo con cui condividevo la passione per il poker, non è giusto che si perda la vita in questo modo.

 

 

Daniel Colman durissimo su Hellmuth:”sei il cancro del poker”!

Dai tavoli verdi alla stampa è un passaggio molto più semplice negli Stati Uniti rispetto all’Italia dove se ne parla solo nei canali tematici di pochi blog e siti, oltre oceano invece la popolarità che ha il gioco del Texas Holdem è completamente diversa dal bel paese e non è di certo un segreto. E i campioni non hanno affato peli sulla lingua e quando vengono chiamati in causa non si tirano indietro se c’è da mettere legna sul fuoco.

Tutto inizia da Phil Hellmuth, il 13 volte braccialettato è intervenuto in una trasmissione radiofonica e ha lasciato il suo enorme EGO prendere il sopravvento su di se spaziando dalla vita privata al tavolo verde, affermando che è stato lui ad aver inventato la tecnica dello Small Ball, e criticando fortemente l’approccio matematico al gioco tanto caro ai “ragazzini terribili dell’online”, che comunque sarebbe in grado di imparare in poche ore, concludendo affermando che non ha mai tradito la moglie e che in passato abbia fumato erba.

Non si è fatta attendere la risposta di Daniel Colman chiamato in causa da TwoPlusTwo un noto blog tematico d’oltre oceano a cui ha dichiarato:

È imbarazzante che dobbiamo condividere la nostra professione con gente disposta a vendersi come questo tipo. Dopo che ho vinto il One Drop, è venuto subito a congratularsi con me e a stringermi la mano davanti alle telecamere. Come se fosse il portiere del mondo del poker e mi avesse appena dato il benvenuto. È veramente patetico che un quarantenne si comporti nel modo in cui si comporta lui al tavolo, per non menzionare quanto sia un rammollito, subito pronto ad accettare una sponsorizzazione fregandosene dell’integrità dell’azienda. Hey, qualsiasi cosa per soldi! Mi rende veramente triste pensare che ci sia anche solo una possibilità che qualcuno prenda come esempio questo ciarlatano. Le persone con il suo carattere e il suo atteggiamento sono un cancro per questo mondo.”

Insomma non vedeva l’ora di liberarsi di questo nodo in gola Dan Colman che per essere chiari quando dice:”subito pronto ad accettare una sponsorizzazione fregandosene dell’integrità dell’azienda“, si riferisce allo scadalo Ultimate Bet, la poker room di cui Phil Hellmuth è stato per anni testimonial.

Super Run per Pablo Gordillo, vince 3 domenicali in una notte su pokerstars.com

Una notizia che sta rimbalzando da un sito all’altro sulla super serata di Pablo “gordijù” Gordillo, che sicuramente ricorderete per il 4° posto all’EPT di Vienna del Marzo scorso con più di 260.000€ vinti, ma il vero colpaccio lo spagnolo residente in Inghilterra l’ha fatto domenica scorsa vincendo 3 domenicali per un totale di 101.060,47$ a fronte di una spesa di appena 175$. Che rimarrà nella storia del poker online visto che nessuno nella stessa sera sia mai riuscito a vincere 3 tornei, che rimane veramente difficile visto i numeri di partecipanti e un’altissima varianza per questo possiamo parlare di “GOD run“!

gordillo run

Questo il fantastico tris dello spagnolo che ha acceso la comunità pokeristica, tutto è iniziato con il Sunday Kickoff, buy-in 109$ e 1.737 giocatori iscritti, poi il Bigger da 55$ e il Sunday Storm da 11$, entrambi con più di 4.000 partecipanti agguerriti ai nastri di partenza!

Insomma come dicono Andrea “Topkapias” Borea e Antonio “crazysalsero” Graziano nelle loro cronache: Gordiiillllloooooo Caballlerooooo!

Anche Joe Cada “tagliato” da Pokerstars.com, pare abbia mosso richeste eccessive alla room della picca rossa

Che Pokerstars.com stia tagliando il budget alle sponsorizzazioni dei giocatori per i Team Pro non è un segreto ne tantomeno una sorpresa, ma l’ultimo addio è un nome grosso che ha generato incredulità nell’ambiente, perchè tagliare Joe Cada, campione del mondo WSOP 2009 (premio 8.547.042$), e vincitore di un secondo braccialetto WSOP quest’anno nell’evento #32 6-handed da 10.000$ con una prima moneta di 670.041$ oltre a tantissimi risultati sia online che live ha fatto capire semmai ce se fosse stato bisogno, che la vittoria del Main non fu proprio casuale…

Tramite un suo tweet Cada dice che l’addio sia dovuto alla sua richiesta di avere la rakeback online al 100%, che può sembrare una richiesta esagerata a dispetto di una room che investe molto e i soldi della rake sono preziosi soprattutto da un giocatore come Cada che ne genera veramente molta, però le parti potevano sicuramente trovare un accordo.

Screenshot 2014-09-27 14.40.38(“se qualcuno si stia chiedendo cosa sia successo con pokerstars, è molto semplice, ho solo richiesto una rakeback del 100%, hanno detto di no”.)

Questo tweet che spazza via tutti i rumors fatti nei giorni precedenti all’ennesimo taglio di Pokerstars dopo Humberto Brenes, Nacho Barbero, Alex Kravchenko e Marcel Luske, anche il canadese Cada costretto a fare le valigie con un pò di rammarico e dispiacere come fa capire in questo ultimo tweet:

Screenshot 2014-09-27 14.41.13(“sono stato estremamente felice in tutti i miei anni in pokerstars, mi sono divertito giocando online e live, e sono deluso di dover lasciare”.)

pokerstars online