Lun. Mag 16th, 2022
Casino Online giochi da tavolo

È qualcosa che molti considerano, specialmente quando le cose vanno bene sui tavoli da poker. “Ehi, domani potrei lasciare il mio lavoro e iniziare a giocare a poker per vivere!” Potrebbe sembrare un’ottima idea: rinunciare a tutte le responsabilità di una settimana dalle 9 alle 5, 40 ore, alla fatica di andare in ufficio o in un negozio ogni giorno. Ma è davvero una buona idea farlo? Sei mentalmente in grado di giocare a poker per vivere?

Ci sono tre cose a cui potresti voler pensare prima ancora di fare il passo per diventare un “giocatore di poker professionista”. Alcune persone non gestiscono bene queste cose e, ad essere onesti, se hai intenzione di diventare un giocatore di poker per vivere, sono fondamentali per il tuo successo. Queste tre cose sono avversione al rischio, disciplina e gestione del denaro: devi porre alcune domande difficili a te stesso in queste tre aree, perché non tutti sono attrezzati per essere un “giocatore di poker”.

1) Sono disposto a mettere in gioco così tanti soldi?

Nel poker, e specialmente nei cash game, è imperativo avere il bankroll per resistere a long run in cui vai in pareggio, nella migliore delle ipotesi. Non stiamo parlando di pagare le bollette, il mutuo, la spesa, le spese mediche, stiamo parlando semplicemente dei soldi che hai che puoi permetterti di “non avere” se perdi. La mia regola abituale per i cash game è che devi avere 100 volte le puntate normali che giochi. Se stai giocando $1/$2 No Limit Hold’em con un buy-in massimo di $200, allora in un mondo perfetto vorresti avere $20.000 a portata di mano.

Sì, non è realistico, l’ho detto in un “mondo perfetto”. Ma se vuoi giocare cinque o sei giorni a settimana, devi essere in grado di sopportare alcune perdite a breve termine. Se inizi la tua “professione” solo con un paio di dollari e perdi tutto in una settimana, allora tornerai al tuo “lavoro d’ufficio” prima che tu te ne accorga. Pertanto, un’idea più realistica potrebbe essere 25-50 volte (da $ 5000 a $ 10.000) un buy-in di $ 200.

2) Sono disposto a dedicare tempo a giocare per ore?

Per essere un giocatore di poker professionista di successo, non giochi una volta alla settimana e mandi a vuoto il resto del tempo. I migliori studiano il gioco per ore al giorno – non GIOCARE a poker, intendiamoci, ma studiano il gioco. Stanno eseguendo simulazioni, studiando determinate situazioni, padroneggiando diverse varianti del poker (Short Deck, Omaha, ecc.) e rivedendo il loro gioco precedente per cercare eventuali buchi nella loro azione. POI si dirigono alla sala da poker o al casinò e trascorrono dalle sei alle dodici ore sui tavoli guadagnando la tua paga giornaliera.

Se non sei disposto a dedicare una quantità significativa di tempo semplicemente a lavorare sul tuo gioco, non lo taglierai come “professionista”.

3) Ho il mood emotivo per giocare a poker per vivere?

Ad essere brutalmente onesti, molte persone salterebbero fuori dalla Stratosphere se perdessero un acconto su una casa con tre camere da letto. Ciò può accadere in una singola sessione giocando ad alcune puntate (dovresti controllare le trasmissioni di The Lodge per vederlo in azione ) e può anche far parte di una lunga serie di sessioni perse. Quelli che sono professionisti torneranno subito in gioco il giorno successivo, convinti che sia stata solo una situazione “una tantum”, che il loro gioco (attraverso il loro studio) fosse forte e che fossero solo vittime della varianza.

La maggior parte delle persone non è in grado di gestire questo tipo di situazioni. Se perdere denaro è qualcosa a cui sei contrario, essere un giocatore di poker professionista – o uno scommettitore sportivo, se è per questo – non sarà molto piacevole per te. Anche i migliori giocatori di poker non sempre vincono – ci sono quelle volte in cui colpiscono seriamente la loro banca – e si girano e tornano sul ring il giorno successivo.

Se ti poni queste domande – e sei onesto con te stesso riguardo alle risposte – allora dovresti essere in grado di decidere se puoi vivere la vita di un vero giocatore di poker professionista. Se prendi la decisione che non puoi, non c’è niente di sbagliato nell’essere un grande giocatore ricreativo che fa dei buoni soldi da spendere. Non c’è niente di sbagliato in nessuno dei due corsi nel mondo del poker.

fonte https://www.pokernewsdaily.com/